29 Lug

Ansia sociale e timidezza.

  • Posted by Davide Boraso
  • 0 Comments
  • accettazione, ansia, benessere, psicologia

Quando l’ansia sociale si prende il meglio di noi, è difficile connettersi con nuove persone. La soluzione è migliorare il senso di presenza.

Le persone che soffrono di ansia sociale temono di apparire agitate e di mostrarne i segnali:  temono cioè di diventare rosse in volto, di tremare, di balbettare, di sudare, di avere tachicardia, oppure di rimanere in silenzio senza riuscire a parlare con gli altri, senza avere la battuta pronta.

La fiducia è una qualità che molti di noi vorrebbero poter avere sempre con sè, specialmente quando siamo in un posto nuovo o con un gruppo di persone che non conosciamo bene. Per alcuni, la fiducia sembra essere naturale. E per gli altri?

Secondo Andrew Horn, il fondatore di Dreams for Kids DC, molta fiducia proviene dal nostro senso di presenza.

“La presenza è quell’esistenza incarnata nel momento, è quando stai solo rispondendo e reagendo a ciò che sta accadendo in questo momento”, afferma Horn. “Non esiste una storia del passato, non c’è paura del futuro ed è una cosa magica quando possiamo crearla in una conversazione.”

Spesso ciò che ci impedisce di partecipare a conversazioni o eventi è la timidezza più che un’ansia sociale vera e propria.

“Uno dei sentimenti più comuni nelle fasi iniziali di una conoscenza o all’inizio della nostra carriera lavorativa è la timidezza, legata spesso ad insicurezza, senso di indegnità o di avere scarso valore personale.

Credenze che spesso nascono dal confronto: guardiamo qualcuno con ammirazione o invidia e pensiamo: “Non sarò mai così intelligente o così abile da comunicare come lui”. Rimaniamo in silenzio, e ci critichiamo per non essere estroversi e fiduciosi, erodendo ulteriormente la nostra autostima.

“Se ci confrontiamo costantemente con altre persone, non saremo in grado di goderci la conversazione”, afferma Horn.

Il dubbio non solo ci impedisce di prendere parte alla conversazione, occupando le nostre menti con preoccupazione e giudizio, ma ci impedisce anche di essere pienamente presenti nel momento. Quindi cosa possiamo fare al riguardo?

La cura dell’ ansia sociale, da una parte, mira a modificare tali assunti durante il lavoro psicoterapico, dall’ altra cerca di insegnare abilità per gestire al meglio le situazioni sociali.

Tali abilità prevedono, solitamente, sia tecniche (come i training di rilassamento) per la gestione dell’ansia, sia tecniche per la gestione dell’interazione verbale. Un esempio di tecnica è l’esercizio nel nominare e domare i  pensieri.

“I nostri cervelli sono davvero bravi a dirci che cosa andrà storto nelle situazioni sociali”, afferma Horn. “Vuole tenerci al sicuro; desidera che piacciamo alle persone. ”

Per essere meno ansiosi nel momento, potremmo immaginare cosa potrebbe renderci ansiosi in una determinata situazione prima che la situazione si verifichi effettivamente.

Ad esempio, se a breve dovrai partecipare ad una importante riunione di lavoro, potresti già sentirti nervoso nei giorni precedenti. Invece di sprecare i giorni che precedono l’evento in rimuginazione, usa quel tempo per mettere in discussione ciò che sta guidando la tua ansia: potrebbe essere la paura di dire la cosa sbagliata, l’ansia che non ci sarà nessuno che conosci, o la paura di apparire diverso da come sei realmente.

Coltivando questo senso di consapevolezza, sarai in grado di notare i tuoi pensieri legati all’ ansia sociale quando affiorano e il modo più efficace per gestirli è accettarli per quello che sono.

“Semplicemente osservando e analizzando lo stato indesiderato, lo si sta nominando e lo si sta domando”, dice Horn. “Sarai più consapevole quando si manifestano quegli stati indesiderati.”

Questo aiuterà a non farti risucchiare da loro, e potrai liberare attenzione da dirigere su cosa sia effettivamente importante in quel momento.

Esercitati a “trasformare” la conversazione.
Un’ansia comune che molte persone hanno, è credere di non avere nulla di interessante da dire o di essere bersaglio di scherno in una conversazione. Preoccupazione che può essere smorzata praticando l’ascolto consapevole.

“Uno dei modi più semplici in cui possiamo praticare l’ascolto attivo ed evitare un vicolo cieco è quello di assicurarci di interagire nella conversazione più che “subirla”.

Ad esempio, se l’interlocutore ci dice di aver mangiato in un nuovo ristorante, potremmo rispondere con “Oh, ci sono andato lo scorso fine settimana e ho mangiato la pizza. Tu, cosa hai provato? ”Invece di“ Oh, ci sono andato lo scorso fine settimana. Ho mangiato bene “.

Se ci impegniamo a ripristinare la conversazione con domande dirette all’interlocutore per tre e quattro volte, rimuoveremo la possibilità che latiti e trarremo maggiore profondità dalle nostre conversazioni.

 

Davide Boraso
Psicologo – Psicoterapeuta
Terapeuta EMDR e MindfulnessBCT.

 

Bibliografia.

Ted Talk di Andrew Horn – https://www.youtube.com/watch?v=2F6vtMWkTKM

Kabat Zin J. – Riprendere i Sensi. Edizioni Tea. 2008.

Kramer G. – Mindfulness Relazionale. Bollati Boringhieri. 2016.