23 Feb

Gli smartphone modificano il modo in cui pensiamo.

  • Posted by Davide Boraso
  • 0 Comments
  • benessere, consapevolezza, prevenzione, riduzione dello stress

Gli smartphone modificano il modo in cui pensiamo, attirano sempre più insistentemente la nostra attenzione e sono diventati come un’appendice. Ma come ci stanno realmente cambiando?

Non molto tempo fa, Internet stazionava. Navigavamo sul Web da un dekstop nel nostro salotto o in ufficio. Se ci sentivamo davvero avventurosi, forse portavamo il nostro portatile in un bar. Guardando indietro, quei giorni sembrano lontani decenni.

Oggi, il web si muove attraverso le nostre vite con noi. Cacciamo i Pokémon sul marciapiede, twittiamo dal bagno, dormiamo con uno smartphone a portata di mano usandolo sia per addormentarci che come sveglia. A volte riponiamo il telefono mangiando…forse.

Gli smartphone modificano il comportamento: la tecnologia portatile ha rinnovato le nostre abitudini di guida, l’organizzazione degli appuntamenti e persino la postura (Jung e al. 2016). Nonostante i titoli occasionali affermino che la tecnologia digitale stia impoverendo i nostri cervelli, per non parlare delle conseguenze che avrebbe sui nostri figli, abbiamo accolto questo allettante compagno di vita a braccia aperte e pollici stretti.

Ricercatori sono ormai certi, che le interazioni costanti con la tecnologia digitale, influenzino il nostro cervello; gli smartphone modificano il modo in cui ricordiamo, in cui navighiamo e il modo in cui creiamo la felicità. Oppure no?

Senza dubbio si tratta di un fenomeno scivoloso e in rapida evoluzione. Gli studi suggeriscono che la tecnologia e le  continue interruzioni portate alla nostra attenzione cambino le strategie di pensiero. I dispositivi sono diventati “partner di memoria”, permettendoci di scaricare le informazioni lì e di dimenticarcene, uno scarico che viene fornito con vantaggi e svantaggi. Tanto per citare uno svantaggio, interazioni costanti con la tecnologia possono aumentare ansia e stress in determinate condizioni.

La domanda su come la tecnologia aiuti ed ostacoli il modo di pensare ha risposte complesse. Sia gli studi di laboratorio che quelli osservazionali hanno degli svantaggi. I confini artificiali degli esperimenti di laboratorio portano ad osservazioni limitate, intuizioni che potrebbero non essere applicabili alla vita reale. Gli studi osservazionali sul comportamento nel mondo reale, d’altra parte, rivelano associazioni, non cause. È difficile estrapolare effetti reali dall’interno della confusione della vita.

La neurobiologa Leah Krubitzer, sostiene che i recenti cambiamenti, non siano buoni né cattivi, sono solo l’ultima iterazione sul continuum di ambienti in evoluzione. “Possiamo affermare con certezza che la tecnologia stia cambiando il nostro cervello”, sostiene. È solo che fino ad ora, nessuno sa cosa significhino questi cambiamenti.

Certamente, la maggior parte delle attività modifica il cervello: ad esempio l’allenamento musicale ne rimodella alcune parti, l’apprendimento delle strade contorte di Londra modifica la struttura cartografica nel cervello dei tassisti. Anche trascorrere una buona notte di sonno cambia il cervello. Ogni aspetto del nostro ambiente può influenzare il cervello e i comportamenti. In un certo senso, la tecnologia digitale non è diversa. Eppure alcuni scienziati sospettano che potrebbe esserci qualcosa di particolarmente pericoloso derivato dalla tecnologia digitale.

“Siamo creature che cercano informazioni”, afferma il neuroscienziato Adam Gazzaley dell’Università della California. “Siamo guidati da ciò in modi potenti.” Gli strumenti digitali di oggi offrono un’esposizione senza precedenti a informazioni che non aspettano che tu le cerchi; sono loro a trovarti, dice. Questa attrazione è quasi irresistibile.

“Avremmo dovuto riflettere sull’impatto della tecnologia negli anni ’70 o ’80”, dice Krubitzer. “È troppo tardi ora. Stiamo chiudendo le porte della stalla dopo che i buoi sono usciti. ”

Attenzione in ostaggio. 
Un modo in cui la tecnologia digitale odierna ci influenza rispetto ad altre meno recenti è la quantità di tempo che trascorriamo con essa. In appena un decennio, gli smartphone hanno saturato il mercato, consentendo l’accesso istantaneo ad Internet a circa 2 miliardi di persone in tutto il mondo.

In uno studio, Larry Rosen (Rosen,Carrier,Cheever 2013.) psicologo della California State University, ha utilizzato un’app per monitorare la frequenza con cui gli studenti universitari hanno sbloccato i loro telefoni. Gli studenti hanno controllato i loro telefoni una media di 60 volte al giorno, ogni sessione aveva durata di circa tre o quattro minuti per un totale di 220 minuti al giorno. C’è molta interruzione, dice Rosen.

Gli smartphone sono “letteralmente onnipresenti 24-7, e come tali, sono quasi un’appendice”, dice. E spesso, siamo costretti a guardare questo nuovo, affascinante arto rettangolare invece di ciò che ci circonda. “Questo dispositivo è davvero potente”, afferma Rosen. “Gli smartphone modificano il nostro comportamento ed è cambiato il modo in cui vediamo il mondo. ”

La tecnologia lo fa. Stampa, elettricità, televisori e telefoni hanno modificato drasticamente le abitudini, dice Przybylski, psicologo ad Oxford. Sostiene che il furore della tecnologia digitale che “scioglie” il cervello e paralizza le vite sociali sia solo l’ultima incarnazione della secolare paura del cambiamento. “Devi chiedertelo, ‘C’è qualcosa di magico nella potenza di uno schermo LED?'” Dice Przybylski. (Przybylski 2013.)

Eppure alcuni ricercatori sostengono che ci sia qualcosa di particolarmente avvincente in questo progresso. “Sembra diverso. I computer, Internet e il cloud sono integrati nelle nostre vite “, afferma lo psicologo Benjamin Storm dell’Università della California. “La portata della quantità di informazioni che abbiamo a portata di mano è al di là di qualsiasi altra cosa che abbiamo mai sperimentato. La tentazione rispetto al pericolo di diventare dipendente da esso sembra essere più grande. ”

“Stiamo diventando simbiotici con i nostri strumenti informatici“, ha scritto Betsy Sparrow, allora alla Columbia University. (Sparrow, Liu, Wegner. 2011.) “L’esperienza di perdere la nostra connessione Internet diventa sempre più simile a perdere un amico. Dobbiamo rimanere collegati per sapere cosa dice Google. ”

Quella stampella digitale non è necessariamente sempre negativa. La memoria umana è notoriamente malleabile, suscettibile di falsi ricordi e spesso fallace. Internet, benché imperfetto, può essere una risorsa di buone informazioni. E non è chiaro, dice, se i nostri ricordi siano peggiorati, o se manteniamo le stesse capacità, ma raggiungiamo la risposta in modi diverso.

I potenziali aspetti negativi di questo differente utilizzo della memoria sono nebulosi. È possibile che la dipendenza da  dispositivi influenzi e indebolisca connessioni di altre parti del nostro cervello. Cambia il modo in cui apprendiamo, cambia il modo in cui iniziamo a mettere insieme le informazioni, a costruire le nostre storie, a generare nuove idee. Potrebbero esserci conseguenze di cui non siamo ancora consapevoli.

Gli effetti sull’attenzione possono causare problemi per una lunga lista di capacità di pensiero, tra cui memoria a breve e lungo termine, attenzione, percezione e tempo di reazione. Senza dubbio le continue interruzioni, i rancori e i ronzii, il nostro irrequieto bisogno di controllare i telefoni stanno influenzando la nostra capacità di pensare. Precisamente come, lo sapremo tra qualche anno, nel dubbio prendiamoci qualche pausa sconnettendoci.

Davide Boraso
Psicologo – Psicoterapeuta
Terapeuta EMDR e Mindfulnes

Bibliografia 

The effect of smartphone usage time on posture and respiratory function
Sang In Jung, MS, PT, Na Kyung Lee, PhD, PT, Kyung Woo Kang, PhD, PT, Kyoung Kim, PhD, PT, andDo Youn Lee, MSc, PT

Google Effects on Memory: Cognitive Consequences of Having Information at Our Fingertips
Betsy Sparrow, Jenny LiuDaniel M. Wegner
In “Science  05 Aug 2011: Vol. 333, Issue 6043, pp. 776-778″

Facebook and texting made me do it: Media-induced task-switching while studying
Larry D.Rosen, L.Mark Carrier, Nancy A.Cheever. 

Can you connect with me now? How the presence of mobile communication technology influences face-to-face conversation quality Andrew K. Przybylsk, Netta Weinstein.
In “Computers in Human Behavior. Volume 29, Issue 3, May 2013, Pages 948-958”