21 Nov

Quali speranze per il dolore cronico?

  • Posted by webdev
  • 0 Comments
  • controllo dolore, dolore cronico, terapia dolore cronico

Il dolore cronico è un dolore che ha durata maggiore rispetto al corso naturale della guarigione legata ad una particolare malattia o danno al nostro corpo; è di norma costante, tuttavia può anche essere episodico o ricorrente, come nel mal di testa.

La sua intensità può variare notevolmente ed essere influenzata da fattori fisici, ambientali, sociali e psicologici.

La capacità di farvi fronte e le nostre reazioni possono inoltre variare dalla paura ad esso attribuita, alle esperienza di dolore passate, alla percezione di riuscirvi o meno a far fronte, al sostegno sociale.

Concentrarsi sulla risoluzione del dolore in sé, a volte non rappresenta una soluzione, ma addirittura un problema che può peggiorare la situazione: i più recenti studi suggeriscono infatti che imparare e convivere con il dolore e a migliorare  la qualità di vita nonostante il dolore possa essere l’approccio migliore per aiutare le persone a vivere una vita meno sofferente.

A partire da questi assunti sono nati veri e propri protocolli e strategie adattive per la gestione del dolore cronico, l’esito dei trattamenti è poi dipendente dal grado d’impegno profuso con cui si seguono le indicazioni.

Sono poi osservabili alcune caratteristiche che possono incrementare le possibilità di successo nel trattamento o viceversa il fallimento:

  • coinvolgimento attivo e impegno costante nel programma di trattamento;
  • disponibilità ad accettare alcune dosi di dolore accantonando rabbia e diffidenza;
  • il non affidarsi in modo esclusivo alla completa scomparsa del dolore come indice di successo e capacità di spostare
  • l’attenzione sulla qualità di vita;
  • disponibilità a prendere in considerazione gestione comportamentale e psicologica del dolore;
  • disponibilità ad affrontare convinzioni negative e non produttive, paure e relative conseguenze.

Attraverso un approccio integrato e non indirizzato alla sola risoluzione della sofferenza cronica, si può arrivare a considerare il dolore compatibile con una buona qualità di vita.

Davide Boraso
Psicologo – Psicoterapeuta
Terapeuta EMDR e MindfulnessBCT.

 

Per approfondire:

http://www.stateofmind.it/2017/09/dolore-aspetti-emotivi/

http://www.humanitas.it/news/20718-dolore-cronico-legame-disturbi-dellumore